Responsive image

Implementazione cognitiva

Il programma e i percorsi che attuiamo per potenziare le abilità cognitive dell’individuo si avvalgono del Metodo Feuerstein.


In ambito lavorativo questo ci permette di aumentare il focus sul sistema organizzativo in generale: la definizione di obiettivi e programmi di azione, l'articolazione in unità organizzative (funzioni e/o divisioni), la struttura dei processi (operativi e di supporto), l'implementazione delle procedure e delle policy, il controllo e il rendiconto delle attività, il monitoraggio delle prestazioni, l'attuazione delle azioni correttive, la formazione continua.


Tale metodo è efficace sia per i manager che per le persone in tutte le fasce di età da bambini alla fase adulta.
Il programma si sviluppa attraverso l'esercizio sistematico delle funzioni cognitive che sono alla base di ogni corretta operazione mentale. Gli strumenti sono graduati e ordinati secondo una difficoltà crescente.

Ogni strumento è rivolto ad un serie specifica di obiettivi, ma ne riprende alcuni già presenti negli strumenti precedenti. In questo modo la ripetizione di principi ed operazioni abitua ad applicare modalità di pensiero adeguate ad affrontare situazioni nuove.


Il concetto di fondo del metodo Feuerstein è la modificabilità cognitiva strutturale. Feuerstein è assertore di una visione plastica e dinamica dell’intelligenza. Egli, infatti, afferma: «la nostra ipotesi è che l’uomo è modificabile» per cui, al di là del naturale processo evolutivo, l’uomo può continuare il proprio sviluppo cognitivo per tutto l’arco di vita.


Se l'intelligenza è un'entità plasmabile, la cui plasticità si estende ben oltre l'infanzia, l'attività mentale è suscettibile di modificazione e di evoluzione a tutte le età ed in tutte le fasi del suo sviluppo, conseguentemente un “cambiamento strutturale”, secondo Feuerstein, comporta una "modificazione stabile nel tempo della struttura cognitiva", verificabile. Il prodotto finale è un funzionamento cognitivo autonomo che ha come obbiettivo principe non l'apprendimento, ma le competenze.


Scopo delle singole prove, infatti,  non è la soluzione, ma la messa a fuoco del processo mentale attraverso il quale si arriva alla soluzione: obbligano a prender coscienza di come la mia mente ha ragionato e quali strategie ha messo in atto per raggiungere lo scopo.

Questa consapevolezza rispetto ai propri processi cognitivi, conosciuta anche come “metacognizione”, porta a un miglioramento naturale della capacità di conoscere e dirigere i nostri processi di apprendimento, aumenta la capacità di problem solving, la creatività, la flessibilità mentale, capacità comunicativa e il controllo dell’impulsività.


La natura concreta dei materiali e delle procedure premette di trasferire gli apprendimenti in contesti diversi da quello di origine e di portare l'individuo a più alti livelli di astrazione e rappresentazione generale. L'interazione mediata con un applicatore del Metodo Feuerstein permette di far manifestare e potenziare le funzioni cognitive.
All'interno del programma alcuni strumenti si focalizzano sulle emozioni che diventano così parte integrante del percorso di educabilità emotiva.

Ad esempio:


Contatti

Il sito non utilizza cookies di profilazione vedere pagina Privacy:

Privacy, cookies e disclaimer